Volume 10. I Lumi pag. 781

Volume 10. I Lumi pag. 781

Terzo Libretto

69/1827-1840 - Orazione; santità; tiepidezza; peccato.

69/1827-1840
[Orazione; santità; tiepidezza; peccato.]

{265} Orazione

[Da] Tommaso l'Angelico (1) il Sole viene chiamato Fons Lucis [,] Fornax ardoris, et causa generationis. -

Universum bellum, quod inter nos, et Daemonem conflictatur non est de alia re, quam de Oratione. S. Nilus (2) [,] de Orat. c. 47.

Inebriabo animas Sacerdotum pinguedine, et populus meus bonis meis adimplebitur. Iere: 31. 14 (b1).

Quamobrem (3) si sapis concham te exhibebis, non canalem… Verum canales multos hodie habemus in Ecclesia, conchas vero perpaucas. S. Bernar: ser: 18: in Canti:

Oloferne per prendere Betulia = incidi praecepit aquaeductum (Iud (4): 7. 6 (b2)) così dice Cornelio a

Note


1) Nel commentario In Ps. 18. V. pag. 559, nota 1.
2) Per i santi obiter ricordati fino alla pag. 271 del ms. cfr. Bibliotheca Sanctorum alle rispettive voci. Su S. Nilo v. pag. 576, nota 2 del pres. volume. Il «De Oratione» qui attribuito a S. Nilo di Ancira è piuttosto opera di Evagrio Pontico (sec. IV).
3) La o copre una i.
4) Leggi Iudith.