Volume 13. Stampati - Varie pag. 138

Volume 13. Stampati - Varie pag. 138

Iddio l'Amore Infinito

27 - L'Amore infinito, e la Misericordia infinita del N.S.G.C. nel suo Battesimo

{117} 27. (1)

L'Amore infinito, e la Misericordia infinita del N.S.G.C. nel suo Battesimo.

Illuminato dalla S. Fede debbo ricordare che il N.S.G.C. non contento di essersi umiliato infinitamente per noi nel Mistero della Incarnazione, e di essere nato nella povertà, e patimenti del Presepio, e di avere menato una vita sempre umile, povera, laboriosa, e disprezzata per redimere l'Anima nostra dalla schiavitù del peccato, per distruggere tutta la deformità della vita nostra malvagia, e per santificare, nobilitare, e arricchire de suoi meriti infiniti tutte le opere [,] parole, e pensieri di tutta la vita nostra, prevedendo però che (2) col peccato averei rigettato da me sì preziosi tesori di vita eterna per animarmi, e per preparare (3) per me, e per / {118} tutti un tesoro infinito di grazie per fare penitenza dei miei peccati Egli sebbene sia l'Innocente, l'Impolluto, la Santità per Essenza, il Segregato dai peccatori (4) (b1) si degnò con amore infinito, e mosso dalla sua infinita Misericordia portarsi sulle Riviere del Giordano e tra la turba dei Peccatori quasi fosse stato uno di loro domandò

Note


1) A fianco, annullato, un 26.
2) Che agg. post.
3) Segue un per l'Anima annullato.
4) Cfr. Hebr. 7, 26.