Volume 13. Stampati - Varie pag. 147

Volume 13. Stampati - Varie pag. 147

Iddio l'Amore Infinito

24 - L'Amore infinito, e la infinita Misericordia di Dio nell'averci dato il N.S.G.C. anche come nostro Fratello primogenito

{127} 24 (1)

L'Amore infinito, e la (2) infinita Misericordia di Dio nell'averci dato il N.S.G.C. anche (3) come nostro Fratello primogenito.

Illuminato dalla S. Fede debbo ricordare che l'Apostolo S. Paolo scrivendo ai primi Fedeli di Roma (4) parlando del N.S.G.C. (5) ci assicura che IDDio ce lo ha donato perché Egli sia il nostro Primogenito Fratello = Ut sit Ipse primogenitus in multis Fratribus (b1) = (Rom: c. 8. v. 29) (6), cioè Primogenito tra molti fratelli, ossia Primogenito di tutti i veri Cristiani cattolici; e così ce lo ha donato l'eterno divin Padre. Dunque è di fede, che l'Amore infinito, e la Misericordia infinita di Dio sebbene (7) nella sua infinita Sapienza abbia veduto da tutta la Eternità (8) la nostra ingratitudine, e i peccati enormissimi, e innumerabili che averemmo (9) commessi non solo ci ha creato a sua imagine

Note


1) Numero vergato su di un 23.
2) Segue un piccolo segno annullato.
3) Anche agg. post.
4) Scrivendo […] Roma agg. post.
5) Seguono, cancellate, le parole lo chiama Primogenitus in multis fratribus.
6) Ci assicura […] 29) agg. post.
7) Segue un abbia cancellato e spostato.
8) Orig. eternità.
9) Orig. averebbomo.